Consumi e prezzi generalmente in aumento nel settore ittico. Assenti i gamberi rossi.

pesceitticocassette_d4

Guidonia, 28 febbraio 2017. L’attività del Mercato Ittico del Centro Agroalimentare Roma, è risultata in ripresa e questo grazie all’arrivo imminente del periodo di Quaresima, periodo in cui i consumi di pesce aumentano. Inoltre le condizioni atmosferiche hanno consentito le regolari operazioni di pesca ed il prodotto pescato nazionale è risultato presente in buone quantità. Riguardo ai prezzi sono risultati in aumento scampi, moscardini, alici e frittura mista. In calo invece i prezzi delle triglie di fango.

PESCATO
Crostacei – Prezzi invariati per il gambero rosa del Mediterraneo (10,00-12,00 €/kg per la pezzatura minore), mentre non risultano ancora disponibili i gamberi rossi. Stabili su livelli medio-alti i prezzi di mazzancolle (18,00-22,00 €/kg) e pannocchie (5,00-8,00 €/kg). Tra gli scampi, si è osservatala presenza di prodotto per lo più proveniente dall’Adriatico, aumentati di 2,00-5,00 €/kg (30,00-35,00 €/kg per la pezzatura 4-7 U/kg).

Molluschi bivalvi e cefalopodi – I prezzi non hanno mostrato particolari variazioni, ad eccezione dell’incremento di circa 2,00 €/kg che ha interessato il moscardino bianco (8,00 €/kg per il prodotto tirrenico). Stabile su livelli medio-alti il prezzo del calamaro tirrenico di pezzatura maggiore (24,00 €/kg).

Pesci – I prezzi delle alici, trainati da una maggiore richiesta, hanno mostrato rialzi generalizzati fino a 1,00 €/kg, arrivando così a 4,80-5,00 €/kg per le grandi del Tirreno. Aumenti di 1,00 €/kg per la frittura mista dell’Adriatico (7,00-8,00 €/kg) e fino a 4,00 €/kg per la frittura del Tirreno (8,00-10,00 €/kg). Sono invece diminuiti di circa 2,00 €/kg i prezzi per le triglie di fango piccole (4,00 €/kg), la cui disponibilità è stata buona. Si è riscontrata anche una certa presenza di triglie di fango medie, anche se su quotazioni medio basse (5,00-6,00 €/kg).

ALLEVATO
I prezzi si sono mantenuti sostanzialmente stabili. Orate e spigole nazionali si sono attestate rispettivamente su 10,30-10,50 €/kg e 10,50-11,70 €/kg per la pezzatura maggiore.

CONGELATO
Non si sono osservate variazioni di rilievo nei prezzi.