POCO GRASSO, ECONOMICO E GUSTOSO: IL MOSCARDINO

Il moscardino è un mollusco che assomiglia ad un piccolo polpo. Possiede otto tentacoli muniti di ventose, ad unica fila, il che lo distingue dal polpo; il colore è marroncino con riflessi grigio-brunastri e appena pescato emana il tipico odore di muschio da cui deriva il nome di moscardino. Raggiunge una lunghezza massima di 35 cm compresi i tentacoli, le dimensioni e il peso più consueti sono 15-20 cm e 100-300 g. E’ molto comune in tutto il Mediterraneo, vive su fondali sabbiosi e fangosi tra 100 e 300 m di profondità. A differenza del moscardino, il moscardino bianco predilige fondali più profondi. Infatti è più comune nel Medio e Basso Adriatico. E’ molto saporito e ha carni piuttosto sode senza essere coriacee. In questo periodo nel Mercato Ittico del Centro Agroalimentare Roma, il prezzo, sia per quello del Mediterraneo che del Tirreno, il prezzo (all’ingrosso) si attesta attorno ai 7 euro.

E’ un mollusco ricco di sali minerali (Fosforo, Calcio e Ferro: importanti per ossa, sangue e tessuti), di proteine, di vitamine (A e B) e con pochi grassi. Per riconoscerne la freschezza bisogna osservarne il colore che deve essere vivo e intenso, la carne bianca, la pelle umida ma non bagnata, i tentacoli integri e sodi (che non si spezzano tirandoli), il colore della sacca metallico e la sua consistenza oleosa.

Per una ottimale conservazione, come tutto il pesce, è preferibile consumarlo fresco o al massimo congelarlo sempre dopo averlo pulito. Per renderlo più tenero è sempre consigliabile frollare le carni.

Di seguito una delle moltissime ricette disponibili per la preparazione dei moscardini

Ricetta: Moscardini alla diavola (4 persone)
Fate rinvenire 50 g di uva sultanina in acqua tiepida. Nel frattempo pulite 1 kg di moscardini, staccate i tentacoli ed eliminate la pelle, gli occhi ed il piccolo rostro; quindi lavateli e tagliateli a pezzi. Soffriggete dell’aglio con olio ed unitevi 300 g di pomodori, sale e pepe, dopo qualche minuto aggiungete i moscardini, l’uvetta, 30 g di pistacchi, 40 di mandorle e 100 g di olive verdi snocciolate. Lasciate cuocere a fuoco lento per 25/30 minuti. Servite con del prezzemolo tritato.

Ufficio Sviluppo